News

Chiusura estiva

Tecnozinco Srl informa la sua gentile clientela che l'azienda resterà chiusa per le ferie estive dal 09/08/2014 al 24/08/2014 compresi....
Leggi

Chiusura natalizia

Dal 24/12/2013 al 06/01/2014...
Leggi


Tutte le news

Zincatura a caldo


La zincatura a caldo è il miglior processo di rivestimento superficiale dei manufatti metallici per  la protezione dell’acciaio dalla corrosione.

Tale rivestimento si ottiene per immersione in un bagno di zinco fuso alla temperatura di circa 450°C e assicura le migliori prestazioni in termini di aderenza del rivestimento al substrato dal momento che avviene una vera e propria compenetrazione tra strato di zinco e substrato di acciaio, che determina la formazione di strati continui di lega Fe-Zn.

Il rivestimento di zinco è in grado di garantire una duplice protezione:
o) di tipo passivo, perché separa fisicamente la superficie dell’acciaio dall’atmosfera con il semplice effetto barriera;
o) di tipo attivo, perché a causa della differenza di potenziale elettrochimico tra i metalli, lo zinco opera una protezione catodica, cioè tende a “sacrificarsi”, salvaguardando ferro ed acciaio, persino in corrispondenza delle aree in cui il rivestimento di zinco è stato localmente danneggiato scoprendo piccole porzioni di ferro.

Inoltre il processo ossidativo dello zinco è rallentato dalla formazione, sulla superficie, di uno strato barriera molto sottile ma compatto composto da carbonati ed ossido, che si oppone alla ulteriore corrosione degli strati superficiali sottostanti, isolando lo zinco dall’atmosfera circostante.

La zincatura a caldo trova una vasta gamma di applicazioni sia nell’edilizia pubblica che in quella privata: è possibile zincare i componenti strutturali (travi in acciaio, pilastri, capriate, arcarecci), il tondino per il cemento armato di ogni tipologia e misura, ecc.

Abitazioni, strutture sportive, alberghi, ponti, stazioni ferroviarie e tramviarie, metropolitane, parcheggi, stadi, ma anche articoli di finitura come balconi, ringhiere, cancelli, gazebo, tavoli, sedie, panchine, elementi di arredo urbano… Le applicazioni sono pressoché infinite.

Nella logica del risparmio di materie prime, energia e manodopera, l’ efficienza del sistema protettivo dalla corrosione, misurata in termini di qualità e durata, non deve essere trascurata:
la scelta di metodi che presentano un basso costo iniziale, come vernici antiruggine “low cost”, può comportare la necessità di interventi continui per il ripristino della protezione, oltre a compromettere l’integrità strutturale dell’intera opera, determinando l’insorgenza di fermi operativi, interventi in emergenza, danni su cose o persone, il tutto con tutti gli aggravi economici associati a questi eventi.